apartitica non vuol dire apolitica

Print Friendly

pizzati - plebiscito2013.euHo letto l’articolo di Francesca Carrarini, scritto molto bene e in maniera molto accurata, che apre diverse congetture soprattutto riguardo Plebiscito2013.eu. Dato che siamo in estate, colgo l’occasione per far chiaro su un paio di punti interrogativi. Plebiscito2013 è nato per unire e non per dividere, e senz’altro non c’entra niente con le dinamiche leghiste anche se forse la maggior parte dei testimonial sono politici della Lega.

L’invito a fare da testimonial per il diritto dei cittadini veneti di essere interpellati sul quesito plebiscitario è stato esteso sia a Tosi che a Zaia. Tentare di capire le dinamiche interne a partiti non mi interessa, e preferisco concentrarmi sui passaggi da fare per arrivare il prima possibile alla rinascita della Repubblica Veneta. Se ho dei punti di riferimento nel panorama politico veneto, questi si chiamano Stefano Valdegamberi e Sandro Sandri senz’altro, ma anche Mariangelo Foggiato, Pietrangelo Pettenò e pure Diego Bottacin. Quello che accomuna questi cinque consiglieri regionali è che non rispondono a nessuno se non ai cittadini che li hanno eletti. Magari non tutti loro sono a favore dell’indipendenza del Veneto, ma nessuno, libero dalle logiche partitiche, può opporsi ad interpellare i cittadini tramite consultazione referendaria. Sono certo che se non esistesse il cancro della partitocrazia in consiglio regionale l’indizione del referendum per l’indipendenza sarebbe già avvenuta. Questo è il modello da seguire anche dopo l’indipendenza: rappresentanti politici liberi, che non rispondono ad impresari di partito, ma solo alla loro coscienza ed al loro elettorato. Impostare un sistema elettorale che non vincoli l’eletto a logiche di partito è possibile grazie non solo a leggi elettorali che premiano le preferenze e vietano i finanziamenti pubblici ai partiti, ma anche introducendo un sistema decentrato e federale che lascia le risorse a livello locale e che consente il più delle volte decisioni tramite democrazia diretta. Introdurre anche in Veneto questo tipo di sistema svizzero sarà senza dubbio possibile dopo l’indipendenza.

Questo si chiama fare politica apartitica.

Lodovico Pizzati
Portavoce – Plebiscito2013.eu

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: