Este 11 Ottobre: “Il Veneto terra indipendente tra futuro e tradizione”

Print Friendly


Il prossimo venerdì 11 ottobre ad Este si tiene un evento di grande spessore, con un dibattito sull’indipendenza del Veneto nel quale interverranno ospiti e relatori di notevole levatura.

Il dibattito sarà l’occasione per un confronto tra diversi punti di vista e posizioni sull’esigenza di indire quanto prima il Plebiscito per l’indipendenza del Veneto.

Partecipiamo numerosi e facciamo passaparola.

“Il Veneto terra indipendente tra futuro e tradizione”

este-11-10-13

Clicca per ingrandire

11 Ottobre alle ore 20:45
Ex Collegio Vescovile
Via G. Garibaldi, 23

Relatori

  • Stefano Valdegamberi – Consigliere regionale
  • Maurizio Conte – Consigliere ed assessore regionale
  • Paolo Bernardini – Professore e studioso di storia
  • Franco Rocchetta – Pioniere dell’indipendenza del Veneto
  • Alessandro Trentin – Past President giovani imprenditori Apindustria
  • Silvano Piazza – Sindaco di Silea (TV)
  • Francesco Panfilo – Consigliere comunale di Este
  • Mario Sandrin – Testimonial Plebiscito 2013
  • Carlo Zaramella – Testimonial Plebiscito 2013
  • Due esponenti del Südtiroler Schützenbund
  • Lodovico Pizzati, Gianluca Busato e
  • Mauro Marobin – Plebiscito 2013

 

7 risposte a “Este 11 Ottobre: “Il Veneto terra indipendente tra futuro e tradizione””

  1. cossa te importeo al me nome grida al vent om veneto e sarò con tento ha detto:

    El pueblo unido jamas serà vencido!
    Il Che Guevara così scriveva « Il popolo unito non sarà mai vinto»
    meditate gente invece di ciacolar tanto con finalità di avere un effetto contrario.

    • CrisV ha detto:

      Ma che diamine ne sai tu del Comandante ” Che ” ?
      Sei mai stato a Cuba, hai mai parlato con la figlia Aleida, oppure con la biografa ufficiale cubana del Che Guevara, come ho fatto io ?

      Sai che tipologia di governo auspicava il Che, cosa sia l’hombre nuevo ? ( l’uomo nuovo intendo e non le ” ombre ” di vino )
      Non mi riferisco al sistema socialista che poi adottò e impose Fidel, con la complicità dei suoi Ramiritos, ma alla tipologia sociale , che sarebbe scaturita con un nuovo modo di governare il popolo cubano, come auspicato dal Che !
      Ne sai qualcosa o pontifichi sul nulla ?

      Vi riempite la bocca con le frasi fatte, ma in realtà gente come te che sputa sentenze, non mi ha mai offerto l’impressione di conoscere le circostanze, che spaccia per verità e assolutismi.

      Peraltro la frase : ” El pueblo unido jamàs serà vencido ” è stata attribuita al movimento cileno di Unitad Popolar di Allende, frase poi ripresa da altri musicisti ispanici tra cui gli Inti-Illimani.

      Quando scrivi il prossimo aforisma guevarista, vedi di citarlo e attribuirlo correttamente.

      Te ne indico uno, che ha un valore simbolico anche per il nostro gonfalone :

      ” Bisogna pagare qualunque prezzo per il diritto di mantenere alta la nostra bandiera. ” ( Ernesto ” Che ” Guevara )

      Ad Maiora

      CrisV 🙂

      • ermanno ha detto:

        il ‘qualunque prezzo’ erano le esecuzioni sommarie di chiunque la pensasse in modo diverso e non si allineasse al regime.
        significativa la bandiera rosso sangue a sottolineare le milionate di litri di sangue che han fatto versare i comunisti, iniziando con le pulizie etniche ai tempi dei Zar fine dal 1800…

        comunque … “Hasta la Padania” 😀
        http://giornalettismo.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=1412783

        • CrisV ha detto:

          NO ! ” Hasta la Padania ” No di certo !!!
          Per me W L’Indipendenza e W San Marco !!! 🙂

          Rispetto i tuoi principi politici, ma non li condivido.
          Anche in virtù dei circa 20 anni d’immobilismo a cui la lega ci ha sottoposti. ( Federalismo, Autonomia, macroregione, secessione, federalismo fiscale, trecentomila della Val Brembana, ecc. ).
          Risultato unico ? Garantire poltrone romane e luoghi di privilegio, a un manipolo ai vertici leghisti.
          Per me non è questa la strada per la felicità del mio popolo Veneto.

          Se ho offerto uno dei miei voti a Zaia ( regionali 2010, ma il mio voto è stato disgiunto, perchè valorizzo l’uomo prima del partito ) è stato in virtù di un programma elettorale condivisibile e dettagliato che prometteva : ” PRIMA IL VENETO “.

          Riguardo gli eccidi comunisti, sono concorde con te.
          Tutte le dittature, di destra e di sinistra hanno condotto a guerre con incalcolabili vittime e a genocidi inenarrabili.
          Al comunismo sono accreditati circa 120 milioni di morti !!!

          La mia ammirazione per il Comandante Guevara, parte da un punto di vista personale verso l’uomo, prima ancora che verso il rivoluzionario.
          Sicuramente, neppure i suoi più feroci avversari, potranno sostenere che non sia stato un uomo coerente e per un politico, che generalmente cambia le bandiere di partito quasi alla stessa velocità dei suoi calzini, la coerenza a mio parere è fondamentale.

          Se studierai la vita del Che, o lo ammirerai, oppure lo detesterai. Non ci sono vie alternative con la grande figura di questo rivoluzionario.

          Ad maiora.

          CrisV 🙂

  2. caterina ha detto:

    a fronte dell’immobilismo di chi dovrebbe agire, siete la nostra speranza! da lontano guardo a voi con fiducia, perchè rappresentate l’anima pensante e pulsante del popolo Veneto che vuole raggiungere il traguardo della sua libertà senza tentennamenti… ne ha bisogno per continuare a vivere e poter sperare di costruire lui il suo destino!
    Siete e sentitevi importanti!… per tutti noi!

    • CrisV ha detto:

      Cara Cati,

      Per noi di Plebiscito 2013, è un grande piacere, conforto e privilegio, annoverare tra i suoi sostenitori, una cara amica come te, che con la sua squisita cortesia, classe e intelligenza, ci offre spunti di sostegno, riflessione e miglioramento.

      Siamo onorati nel leggere con frequenza, le tue gradite considerazioni, sempre approfondite e pertinenti.
      Leggere è una cosa, capire e assimilare quanto si studia, trasferendone la parte pregnante agli altri è un’altra.

      In buona sintesi, credo d’aver con questo mio esempio, evidenziato la figura sostanziale, della tua bella persona.

      Un caro saluto e un amichevole abbraccio.

      CrisV 🙂

      • caterina ha detto:

        grazie CirsV, mi confondi!
        io mi lascio trasportare dalla passione, e dalla speranza! e quando vedo giovani e meno giovani dedicare con entusiasmo energie iniziativa capacità all’obiettivo a cui tanto aspiriamo, mi commuovo e provo infinita gratitudine…
        Speriamo di poter arrivare… e festeggiare insieme la vittoria!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: