Il Consiglio della Federazione dei Comuni del Camposampierese sostiene il Plebiscito per l’indipendenza

Print Friendly

federazione-comuni-camposampiereseIl consiglio della Federazione dei Comuni del Camposampierese approva nella seduta del 25 Novembre 2013 il sostegno alla proposta di legge referendaria, per la convocazione del Plebiscito 2013 per l’indipendenza del Veneto.

La Federazione rappresenta la più grande unione di comuni del Veneto, oltre 100.000 abitanti in ben 11 comuni del Padovano: Borgoricco, Campodarsego, Camposampiero, Santa Giustina in Colle, San Giorgio delle Pertiche, Loreggia, Massanzago, Piombino Dese, Trebaseleghe, Villa del Conte, Villanova di Camposampiero.

La Federazione dei Comuni del Camposampierese si aggiunge, con non poca rilevanza, ai 21 comuni della provincia di Padova che si sono già espressi singolarmente favorevoli sul Plebiscito 2013: ultima Montagnana oltre a (in ordine alfabetico): Abano Terme, Brugine, Campo San Martino, Carceri, Cittadella, Galliera Veneta, Grantorto, Granze, Mestrino, Monselice, Piombino Dese, Pozzonovo, San Giorgio in Bosco, San Martino di Lupari, Santa Giustina in Colle, San Pietro in Gu, Tribano, Tombolo, Villa del Conte, Villafranca Padovana.

Plebiscito 2013

Libero Professionista. Mi impegno a realizzare prodotti gradevoli, curando i dettagli fino alla follia. Gnu Linux ed open source dipendente.

2 risposte a “Il Consiglio della Federazione dei Comuni del Camposampierese sostiene il Plebiscito per l’indipendenza”

  1. CrisV ha detto:

    Non conosco esattamente questa struttura, ma una federazione, si esprime a nome e per conto dei propri federati e con la stessa titolarità dei comuni stessi.

    In pratica ogni comune rappresentato è come se esprimesse una delibera a favore del referendum plebiscitario.

    Ben vengano queste nuove amministrazioni comunali nell’elenco degli aderenti al nostro Plebiscito 2013 digitale.

  2. caterina ha detto:

    se così fosse, stando a Rocchetta si sarebbe raggiunto il numero che obbliga la Regione a deliberare sul Referendum, ma chissà cosa riescono ad inventarsi per non contrastare lo stato centrale e salvarsi la loro poltrona dorata… per fortuna che sono i Comuni a rappresentare i Veneti cioè i veri titolari del diritto di decidere…
    Il 16 febbraio è vicino… stiamo correndo verso la porta aperta della libertà e sarà la fine di quest’incubo romano…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: