Il documento di convocazione straordinaria del Consiglio Regionale sull’indipendenza del Veneto

Print Friendly

Ecco il documento della convocazione del consiglio straordinario per indire il referendum sull’indipendenza del Veneto, protocollato e presentato ieri all’ufficio di presidenza del Consiglio Regionale. Il testo sotto riportato non lascia spazio a dubbi.

Oggetto: Richiesta di convocazione straordinaria del Consiglio Regionale ex articolo 49 dello Statuto Regionale

Egregio Presidente,

I sottoscritti Consiglieri regionali chiedono la convocazione di un Consiglio Regionale straordinario ai sensi dell’art. 49 dello Statuto vigente con il seguente ordine del giorno: “Indizione del referendum consultivo regionale sull’indipendenza del Veneto”, con le motivazioni di cui al p.d.l. 342 proposto e da discutere di cui si riportano le conclusioni: “Vuoi  che il Veneto diventi una Repubblica indipente e sovrana? SI – NO”.

In allegato P.D.L. 342

I consiglieri

STEFANO VALDEGAMBERI e altri

Scarica da qui il documento completo

DOC

DOC2

8 risposte a “Il documento di convocazione straordinaria del Consiglio Regionale sull’indipendenza del Veneto”

  1. ermenegildo ha detto:

    oggi la Commissione giuridica dovrebbe firmerare il parere.
    con calma…

  2. cantineblues ha detto:

    Ed oltretutto firmeranno un documento in cui non si dice niente di significativo!!! La parola va data ai Veneti.
    Solo il Popolo Veneto deve decidere del suo futuro!!!

  3. ermenegildo ha detto:

    @cantineblues, “niente di significativo” ? l hai letto?
    c è chi dice che dice che fare (non l esito, solo il farlo) quel referendum non è vietato dalle leggi italiane, che chi afferma il contrario.

  4. cantineblues ha detto:

    Infatti,
    ovviamente non l’ho ancora letto ma a quel che mi risulta la commissione dovrebbe essere spaccata non sul fatto che si possa fare (almeno su questo x fortuna non dovrebbero esserci dubbi!) bensì su quale valenza possa avere lo stesso.
    Per questo non mi aspetto nulla di rilevante. Credo firmeranno un documento “all’acqua di rose”… che lasci libere diverse interpretazioni (in modo da non scontentare nessuno… soprattutto i filo-italiani).
    La nostra battaglia sarà in consiglio. Lì vedremo chi è con noi e chi contro!

    Rispolverando un motto (che ho riletto poco fa):
    “PER ASPERA AD ASTRA!”

    Thomas

  5. ermenegildo ha detto:

    allora hai scritto per nulla.
    il compito della commisione è dire se è legale o no in italia fare un referendum in regione veneto con tema autodeterminazione.
    NON è compito loro dir alcunchè su che valore, risultato, complicazioni etc può o non può avere.
    devono solo dire SI la legge permette / No la legge non permette.
    se è Si poi azz della regione a dare/non dare libertà di voto/espressione/potere al popolo ai residenti nella regione veneto.

  6. cantineblues ha detto:

    scusa ermenegildo ma non sono propriamente d’accordo con te.
    Ovviamente la questione è squisitamente politica e sarà affrontata in consigli ma non credo che la commissione giuridica si bilancerà con una affermazione secca: Si, si può fare piuttosto che no, non si può.
    Detto questo, se non sei d’accordo con me ignora pure il mio commento ma non dirmi che ho scritto per nulla; chiunque potrebbe tranquillamente estendere questo pensiero a quasi tutti i commenti della rete (i tuoi compresi).

    Dai, uniti che il traguardo + vicino!

    Thomas

  7. ermenegildo ha detto:

    @cantineblues ,riprovo:
    è solo quello il suo compito. dire SI oppure No.
    sulla faccenda: “si può fare quel referendum in veneto” ? oppure è illegale ? nulla piu.

  8. […] di convocazione del consiglio per il 30 di luglio 2013 è un atto dovuto in attuazione alla sua richiesta di convocazione straordinaria seguita da altre 19 firme di consiglieri […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: