Comuni indipendentisti

Print Friendly

Indizione del Referendum per l’indipendenza del Veneto: il Progetto di Legge Regionale 342

palazzo-ferro-finiIl progetto di legge regionale 342/2013 prevede l’indizione del referendum di indipendenza del Veneto per il prossimo 6 ottobre 2013.

Per la celebrazione del referendum è necessario che il consiglio regionale del Veneto approvi tale progetto di legge tramutandolo in legge referendaria.

Il progetto di legge 342 è stato sottoscritto da 16 consiglieri regionali (Stefano Valdegamberi, primo firmatario, Federico Caner, Remo Sernagiotto, Paolo Tosato, Possamai, Franco Manzato, Nicola Finco, Arianna Lazzarini, Matteo Toscani, Cristiano Corazzari, Sandro Sandri, Roberto Ciambetti, Giovanni Furlanetto, Marino Finozzi, Diego Bottacin, Santino Bozza).

Il progetto di legge 342 approderà in aula del consiglio regionale per la sua definitiva approvazione nel corso del Consiglio Regionale Straordinario che dovrebbe tenersi entro luglio 2013.

Il nuovo statuto della Regione Veneto prevede l’iniziativa di legge comunale e sono molti i comuni che si sono avvalsi di tale opportunità per approvare il progetto di legge regionale 342 per l’indipendenza del Veneto.

repveneta

Clicca per ingrandire (aggiornamento al 18 luglio 2013)

Ecco la lista dei Comuni Veneti che finora hanno approvato l’ordine del giorno a favore dell’indipendenza del Veneto: Castellavazzo (BL), Segusino (TV), Gallio (VI), Trissino (VI), Cassola (VI), Longare (VI), Abano Terme (PD), Badia Calavena (VR), Resana (TV), Montebelluna (TV), Legnago (VR), Quinto di Treviso (TV), Arzignano (VI), Vedelago (TV), Costermano (VR), Villa del Conte (PD), Volpago del Montello (TV), Malo (VI), Zero Branco (TV), Sossano (VI), San Martino di Lupari (PD), Villorba (TV), San Vendemiano (TV), Tombolo (PD), Barbarano Vicentino (VI), Vidor (TV), Orgiano (VI), Castello di Godego (TV), Roncà (VR), Caprino Veronese (VR), Verona, Arcole (VR).

Come accelerare il processo di approvazione della legge referendaria

Per accelerare il processo è fondamentale l’azione di democrazia diretta da parte di tutti i cittadini veneti. Chiunque voglia aiutare tale percorso, si attivi per protocollare l’ordine del giorno nel proprio comune, magari sensibilizzando il proprio sindaco o i consiglieri comunali del proprio Comune. Facciamo approvare quanto prima a quanti più consigli comunali possibili l’ordine del giorno che si può scaricare da qui:

Facciamo inoltre pressione sui consiglieri regionali veneti affinché sottoscrivano tale progetto di legge con grande urgenza.

comuni-pdl-342

Clicca per ingrandire (ultimo aggiornamento: 12 luglio 2013)

Tappe di avvicinamento al referendum di indipendenza del Veneto.

Vi riportiamo di seguito le tappe attraverso le quali ci stiamo avvicinando all’indizione del referendum di indipendenza del Veneto. Fissiamole e ricordiamocele bene, perché presto saranno scritte nei libri di storia delle nostre scuole:

  • 2 aprile 2013. Il Progetto di legge regionale 342 viene protocollato in Regione dal consigliere regionale Stefano Valdegamberi (Futuro Popolare)
  • 5 aprile: voto per il Veneto Indipendente, la valanga inizia da Castellavazzo (BL)
  • 22 aprile 2013. Indipendenza Regione, sì al referendum. A Gallio (VI) approvato l’ordine del giorno
  • 27 aprile 2013: Segusino (TV) approva referendum per l’indipendenza
  • 29 aprile 2013: Trissino (VI) approva referendum indipendenza all’unanimità
  • 3 maggio 2013: il consigliere regionale Stefano Corazzari (Lega Nord) sottoscrive il progetto di legge referendaria.
  • 7 maggio 2013: Valdegamberi presenta pdl 342 in 1° Commissione Regionale Affari Istituzionali
  • 23 maggio 2013: Il comune di Cassola (VI) approva la legge referendaria
  • 29 maggio 2013. Il consigliere regionale Sandro Sandri (Gruppo Misto) sottoscrive il progetto di legge referendaria.
  • 29 maggio 2013. Legge referendaria passa anche a Longare (VI)
  • 30 maggio 2013. Abano Terme (PD) approva odg per l’indipendenza del Veneto
  • 31 maggio 2013. Il consigliere regionale Nicola Finco (Lega Nord) sottoscrive il progetto di legge referendaria.
  • 6 giugno 2013. Le sottoscrizioni al p.d.l. 342 diventano 16, con convocazione automatica di un Consiglio Regionale Straordinario inizialmente previsto per il 27 giugno 2013 e quindi prevedibilmente convocato per fine luglio.
  • 10 giugno 2013. Badia Calavena (VR) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 10 giugno 2013. Resana (TV) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 12 giugno 2013. Montebelluna (TV) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 14 giugno 2013. Legnago (VR) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 17 giugno 2013. Quinto di Treviso (TV) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 20 giugno 2013. Arzignano (VI) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 24 giugno 2013. Vedelago (TV) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 24 giugno 2013. Costermano (VR) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 25 giugno 2013. Villa del Conte (PD) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 26 giugno 2013. Volpago del Montello (TV) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 27 giugno 2013. Malo (VI) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 27 giugno 2013. Zero Branco (TV) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 27 giugno 2013. San Martino di Lupari (PD) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 28 giugno 2013. Sossano (VI) approva odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 9 luglio 2013: Villorba (TV), San Vendemiano (TV), Tombolo (PD), Barbarano Vicentino (VI) e Vidor (TV) approvano l’odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 11 luglio 2013: Orgiano (VI) e Castello di Godego (TV) approvano l’odg per l’indipendenza del Veneto.
  • 13 luglio 2013: Roncà (VR) approva la legge referendaria.
  • 17 luglio 2013: Caprino Veronese (VR) approva il progetto indipendentista per il Plebiscito 2013.
  • 18 luglio 2013: Verona, il 31° comune, il primo capoluogo di provincia, oltreché la città più popolosa del Veneto, approva il progetto per il Plebiscito 2013.
  • 19 luglio 2013: Arcole (VR) approva progetto indipendentista per il Plebiscito 2013.