L’indipendenza del Veneto è una prospettiva di modernità

Print Friendly

Chi combatte il progetto indipendentista lo confonde volutamente con un’impossibile autonomia

gbSpesso viene proposto un luogo comune secondo il quale l’indipendenza del Veneto sarebbe un esercizio di localismo al di fuori della realtà. Un classico esempio di tale esercizio di disinformazione lo si trova in un editoriale di Umberto Curi pubblicato qualche mese fa sul Corriere del Veneto (tra l’altro egli forse distrattamente confondeva l’indipendenza con l’autonomia, cosa ben diversa e quella sì utopistica!).
Nel portare avanti la propria tesi Curi fa proprio il classico schema secondo il quale in un mondo globalizzato non avrebbe senso creare nuove entità più piccole. Egli ha poi buon gioco nello sventolare la crisi irreversibile di alcuni partiti come dimostrazione delle sue argomentazioni, a dire il vero un po’ ripetitive.
A ben vedere emerge però un pensiero in controtendenza rispetto a ciò che l’editorialista del Corriere del Veneto afferma. In un mondo sempre più interdipendente come quello odierno, risulta infatti di fondamentale importanza un’indipendenza decisionale che possa permettere la tutela di interessi strategici veneti che altrimenti sarebbero alla mercé di potentati finanziari e affogati nella difesa dei privilegi e dell’assistenzialismo italiano. Con l’indipendenza del Veneto, solo per citare un esempio, avremo almeno il doppio dei parlamentari europei rispetto ad ora che difenderanno gli interessi veneti nel parlamento europeo e inoltre nomineremo con grande probabilità anche un Commissario Europeo Veneto.
Il pensiero non è solo nostro e di parte, ma trova ispiratori illustri. In primis un altro famoso editorialista del Corriere della Sera, il prof. Alberto Alesina, che in un suo famoso paper scritto assieme ad Enrico Spolaore “The Size of Nations”(mai tradotto in italiano…), dimostra proprio il contrario di quanto afferma Umberto Curi: ovvero in un mondo globalizzato sono proprio gli stati con dimensioni “più umane” ad avere miglior vita e i cittadini con l’indice di benessere più alto. L’inefficienza sistemica degli stati leviatani nati in epoche storiche ipernazionaliste non riesce in alcun modo a reggere la concorrenza dei loro più giovani e veloci concorrenti in ambito internazionale. Il fenomeno è molto simile a quello vissuto nel Rinascimento, dove non a caso trovarono luce le migliori esperienze artistiche ed economiche che mai la penisola italiana abbia conosciuto, ben superiori di certo all’esperienza dell’unità. Tant’è vero infatti che dal dopoguerra gli stati indipendenti nel mondo sono quasi triplicati, diventando quasi duecento da poco più di settanta, a dimostrazione di una tendenza globale che oggi grazie ad Indipendenza Veneta non ci vede più semplici spettatori.
Tornando con lo sguardo al Veneto e alla storia contemporanea, è evidente poi che nel corso degli ultimi decenni di esperimento europeo nessun interesse strategico veneto ha trovato interlocutori italiani in grado di farlo proprio. Tantomeno poi in ambito globale extraeuropeo.
La cosa è ancor più grave se realizziamo che nessun politico veneto ad oggi ha percepito in realtà lo spostamento del baricentro dell’Europa, che con la propria espansione trova proprio in Venezia e nel Veneto un hub naturale e un crocevia strategico commerciale, energetico e di comunicazione.
Con la fine della contrapposizione della guerra fredda e lo spostamento del “confine del mondo occidentale” verso est si è liberato un potenziale inesplorato di opportunità, che a breve potranno finalmente trovare uno sfogo naturale grazie proprio all’indipendenza veneta.
Il mondo lo ha ben compreso e senza timidezze i maggiori organi di informazione internazionale hanno salutato l’azione e la crescita  delle attività per l’indipendenza del Veneto come il primo passo per la veloce nascita della nuova Repubblica Veneta: come potrebbe infatti il cuore della nuova Europa pulsare sotto il controllo di una Roma cadente e polverosa?
Parafrasando Umberto Curi, non ce ne voglia, si può ben dire che l’unità è al di fuori della realtà e che l’indipendenza del Veneto costituisce l’unica prospettiva di modernità.
Venezia è troppo importante per il mondo globale per lasciarla schiava di uno stato canaglia e in un mondo sempre più interdipendente l’indipendenza conta, eccome se conta!

Gianluca Busato
Plebiscito2013.eu

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: