Loreo (RO) il 110° comune che approva progetto per l’indipendenza del Veneto

Print Friendly

loreoLoreo (RO) – Il consiglio comunale ha approvato il sostegno alla proposta di legge referendaria per la convocazione del Plebiscito per l’indipendenza del Veneto.

Loreo ha 3.666 abitanti ed è il 110° comune Veneto ad approvare la legge referendaria.

Loreo è il 3° comune della provincia di Rovigo ad approvare il progetto indipendentista, dopo Porto Viro, Villanova Marchesana.

Plebiscito 2013

Libero Professionista. Mi impegno a realizzare prodotti gradevoli, curando i dettagli fino alla follia. Gnu Linux ed open source dipendente.

5 risposte a “Loreo (RO) il 110° comune che approva progetto per l’indipendenza del Veneto”

  1. Zarlino ha detto:

    110 e Lode!!!

  2. CrisV ha detto:

    Bello il richiamo ” accademico ” di Zarlino 😉

    Desideravo richiamare l’attenzione sul fatto che sole tre province su sette :

    Vicenza : 32 comuni aderenti
    Verona : 30 comuni aderenti
    Treviso : 25 comuni aderenti

    da sole procurano il 79% di questi comuni a tutta la regione.

    Vergognosamente fanalini di coda le province di :

    Venezia : 4 comuni aderenti
    Rovigo : 3 comuni aderenti
    Belluno : 1 comune aderente ( il primo e ormai famoso Castellavazzo )

    Mi chiedo dove siano e cosa facciano gli indipendentisti, in queste tre realtà amministrative locali !!!

    Nel bellunese, sono forse troppo occupati a ” rancurar fasioi ” e non hanno il tempo di chiedere alle proprie amministrazioni comunali di aderire alla 342 ? Un solo comune Catellavazzo !

    Nel rodigino, nonostante vi sia la residenza del presidente-capo del più diffuso partito indipendentista, come mai quel vergognoso dato di tre soli comuni ?
    ” Mi so de Rovigo e no me intrigo “, sembra un detto perfettamente calzante per quelle popolazioni, apparentemente Venete solamente sulla carta !

    Infine il Veneziano, con la nostra Serenissisma capitale, ormai abbandonata dagli antichi cittadini e sempre più in balia di governi cittadini che l’hanno ridotta a una casbah, di venditori abusivi, aggressivi, violenti che si fanno beffe delle forze dell’ordine. Non meglio va nell’entroterra mestrino, dove la stazione dei treni appare come luogo di bivacco e spaccio, della peggiore ” fauna ” metropolitana. Quattro comuni aderenti, un’inezia rispetto alle sue potenzialità.

    Queste tre province raccolgo assieme un vergognoso 7% del totale dei comuni aderenti.
    Un dato che si commenta da solo e che farebbe vergognare ogni buon Veneto.

  3. Zarlino ha detto:

    Te vedarè Crisvi, che riva anka st’altri! Romai no ne ferma pi nesun!
    Mi sevito a parlar co £a xente e tuti xe stufi orbi e no i ghin pol pi de sto mucio de mafioxi ke tenta de governar sta “Concordia” romai rabaltà!
    Tra parentexi, £a nave de Schettino £a xe na metafora potente de £a situasion de oncò: £a xe finia so i scoji par inconpetensa, stupidità, ma forsi anka par qualke intarese ke no savemo; ai pori pasejeri i ghe ga dito de star tranqui£i (ba£e) e tanti xe tornai in cabina a negarse; el capitan el ga bandonà £a nave e i pasejeri al so destin. Se podaria ‘ndar vanti oncora…
    Bisogna ke ciapemo £a nostra sia£upa in presa e se salvemo!!!

    • CrisV ha detto:

      Ciao Zarlino,

      la penso an anca mi, come che te la vedi ti.
      Ormai ghemo superà la pexo salida del nostro percorso e intravedemo el culmine, par rivare in pressa in disesa verso el nostro obietivo.
      Presto el popolo Veneto, se renderà conto dela grande oportunità che ghe se para davanti e credo che non el sela lasarà scapare.

      Presto i Veneti ciaparà cosiensa dei so diriti sacrosanti, che noi coincide de serto, co queli dela Concordia-Schettino fata a stivale.
      La zente xè agra de vedare imprenditori che se impica, artigiani che se suicida, zente disperà parchè nola gà più lavoro e gnanka i schej par pagare le bolete e le taxe e nonostante i tira la cinghia, noi xè boni a farghela.
      Semo rivà al punto chele nostre imprese, se indebita cole banche par avere prestiti par pagare le taxe. :-O
      Ma semo fora……..o COSA ????

      Mentre la zente pianse miseria, i centralisti, i politici, i banchieri, i predoni boiardi da oltre sentomila euri l’ano, i fa baldoria sula nostra pele, come i islameghi fasea co quela del nostro eroico Bragadin.
      Privilegi ignobili, anka in region, chei xè pugni in tei oci par la pora zente che lavora ( chi che gà ancora lavoro ), ma che se dispera.

      Stame ben e WSM

      CrisV 🙂

      PS : A Trento un candidà se gà presentà mascherà come V. Anka questo l’è un modo lecito par cambiare e dire BASTA al sistema.

      • pierin ha detto:

        gente disperá , in tutta italia.
        e a roma han allargato la zona di controllo fuori dai palazzi del potere, strano?
        strano che sia tutto tranquillo ancora

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: