SFRUTTAMENTO DELLE RISORSE ENERGETICHE RINNOVABILI A BASSO COSTO

Print Friendly

terra_geotermiaIn un Veneto Indipendente tutte le risorse naturali rinnovabili saranno sfruttate per dare ai cittadini servizi energetici a basso costo.

Oggi l’ energia geotermica è sfruttata in modo  efficiente in Islanda. Edifici civili e pubblici, piscine, marciapiedi, strade e campi da calcio sono riscaldati con acque provenienti da fonti geotermiche. Teniamo anche presente che l’Islanda è un paese con inverni molto lunghi e 6-9 mesi  freddi e quindi con una necessità elevata di acqua ed energia elettrica.

Tale necessità, grazie all’impiego di energia pulita ed innovativa, ha dato la possibilità a questo paese per l’ appunto di sfruttarla anche per l’ uso esterno su strade e marciapiedi ad esempio per evitare accumuli di neve e ghiaccio, migliorando così la viabilità nei mesi invernali.

Questo sfruttamento a basso impatto ambientale ha portato anche a una diminuzione del prezzo dell’ energia, in contro tendenza con il resto del mondo.

Oltre all’Islanda esistono delle zone minori ugualmente interessanti, tra cui il Veneto. Questa nostra risorsa può costituire una preziosissima e praticamente inesauribile  fonte di energia, disponibile a costi molto bassi.

Per produrre questa energia si sfrutta la temperatura della crosta terrestre. La temperatura aumenta man mano che ci si spinge in profondità. Esistono però delle zone dove la crosta terrestre è più sottile, quindi con un flusso di calore più elevato.

Ciò significa che a profondità minori troviamo temperature elevate da sfruttare con la geotermia.

In un Veneto Indipendente tutte le risorse naturali che possono offrire energia rinnovabile a basso impatto ambientale a costi contenuti avranno la priorità d’investimento. I cittadini Veneti otterranno costi più bassi nelle bollette e un ambiente meno inquinato dove vivere.

Luna Yugo

3 risposte a “SFRUTTAMENTO DELLE RISORSE ENERGETICHE RINNOVABILI A BASSO COSTO”

  1. caterina ha detto:

    lo spaccato dell’immagine m’impressiona…per favore sfruttiamo tutto quello che la terra ci dà spontaneamente, non mettiamoci in testa di perforarla e squassare noi l’equilibrio già fragile del nostro sottosuolo…chi lo sa se il recente terremoto in Romagna non abbia origine dalle perforazioni nell’alto Adriatico… certe cose lasciamole fare agli americani nei loro territori che sono estesissimi e pressocchè deserti… anche la Terra non sopporta violenza e ce la fa pagare…

  2. Marco ha detto:

    Attenzione facciamo un passettino alla volta, in italia la legge permette di costruire , dal punto di vista energetivo, delle baracchr. e le imprese le costruiscono.
    c è la direttiva europea 31 del 2010 che impegna gli stati membri a costruire case ad energia zero. anzi quasi zero, il quasi aggiunto da un ministro italiano ! e infatti siam stati multati …

    prima imponiamo di costruire come gli austriaci o a bolzano , case con l involucro in vera classe A conteggiato SENZA impianti solo dopo poi di fino impianti minimi che sfruttino le rinnovabili.
    prima involucri efficenti, e non all itaGliana dove i valori minimi d isolamento son fermi a 3 anni fa, e in cantiere fan di quelle schifezze e ponti termici ovunque.
    ci vuol poco a costruire bene, davvero. ma siamo talmente ignoranti in materia che apprezziamo le soglie passanti in marmo per poi protestare per le muffe che contribuiscono a formare …
    o nel cambio con i nuovi infissi, quante cause per muffe che il privato perde perchè sbaglia aerare il locale …

    • Marco ha detto:

      tornando alla ‘geotermia’ un uso veloce e necessario in veneto è per pre-riscaldare l aria per le pompedicalore.
      queste quando l aria è sotto i +7 gradi utilizzano molto il defrost per non ghiacciarsi, consumando l ‘ira di dio’ di eneregia elettrica.
      portando invece l aria preriscaldata dal sottosuolo , con tubi ben dimensionati, posson esser messe in confronto con il metano. che altrimenti sarebbe vincente.
      ps il fotovoltaico invernale fate pure conto non ci sia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: