Trasporti collettivi efficienti e privati nel Veneto indipendente

Print Friendly

mercury-trenoNon so voi, a me personalmente viaggiare con i mezzi di trasporto collettivi piace molto, soprattutto viaggiare in treno. Si può leggere un libro, recuperare energie dormendo, lavorare, socializzare. Recentemente un amico mi ha inviato una raccolta firme da inviare alla Regione Veneto, che serve per evitare la soppressione di otto treni interregionali che completano la gamma di possibilità di recarsi nel posto di lavoro o di studio, di migliaia di pendolari. La soppressione di questi treni significherà maggiore scomodità di orari e il dover essere costretti a scegliere tra i sovraffollati treni regionali o i più onerosi treni freccia. Per il cittadino c’è davvero poca scelta ormai, servizi scadenti e costi alti, e l’automobile non è un’alternativa valida, dato il traffico elevato e gli onerosi costi di mantenimento. La bicicletta tornerà ad essere il mezzo del futuro e si ritornerà a lavorare sotto casa? La seconda delle due ipotesi sembra alquanto improbabile, in quanto trovare lavoro, sotto casa o lontano da casa è sempre più difficile. Tutto insomma, va nella direzione di maggiori privazioni per i cittadini e tasse in aumento, con il benestare della Regione….Dopo il Veneto, molto dopo…. per ultimo.

Mi auguro che la Nascita della Nuova Repubblica Veneta favorisca ed incentivi lo svilupparsi di un sistema di trasporti collettivi di natura privatistica, caratterizzato da una sana concorrenza che contenga i prezzi e migliori i servizi. Ci sarà spazio per l’entrata nel mercato di diverse compagnie ferroviarie, aeree, di servizio automobilistico vario, ci auguriamo all’avanguardia. L’obiettivo dovrà essere quello di garantire il massimo grado di efficienza negli spostamenti e l’efficace copertura di tutto il territorio. Ne avrà una ricaduta positiva in termini di minore traffico e minori rischi di incidenti anche il trasporto su strada, e non ultimo, potrebbe esserci una riduzione dell’inquinamento dell’aria.

Tutto questo sarà possibile solo nella Nuova Repubblica Veneta, anche perché, e lo dico con la gioia nel cuore, non avremo più la Fiat da mantenere!

Ivano Durante
Plebiscito2013.eu

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: