Trebaseleghe (PD) sostiene il Plebiscito per l’indipendenza

Print Friendly

Trebaseleghe-StemmaTrebaseleghe (PD): il consiglio comunale del 28 Novembre 2013 ha approvato il sostegno alla proposta di legge referendaria per la convocazione del Plebiscito 2013 per l’indipendenza del Veneto.

Trebaseleghe è il 145° comune Veneto che registriamo ad aver approvato la legge referendaria.

Il comune di Trebaseleghe ha oltre 12.480 abitanti ed è il 22° comune della provincia di Padova ad approvare il progetto indipendentista, dopo (in ordine alfabetico): Abano Terme, Brugine, Campo San Martino, Carceri, Cittadella, Galliera Veneta, Grantorto, Granze, Mestrino, Montagnana, Monselice, Piombino Dese, Pozzonovo, San Giorgio in Bosco, San Martino di Lupari, Santa Giustina in Colle, San Pietro in Gu, Tribano, Tombolo, Villa del Conte, Villafranca Padovana.

Plebiscito 2013

Libero Professionista. Mi impegno a realizzare prodotti gradevoli, curando i dettagli fino alla follia. Gnu Linux ed open source dipendente.

2 risposte a “Trebaseleghe (PD) sostiene il Plebiscito per l’indipendenza”

  1. Antonio ha detto:

    Eccoci, 1/4 dei comuni Veneti e 4 province su 7.
    Sono comuni che appoggiano semplicemente oppure VOGLIONO, PRETENDONO il referendum? C’è una bella differenza tra queste due opzioni, tutti i comuni dicono di essere favorevoli, di appoggiare il referendum e quindi si usa il solito linguaggio diplomatico ma la realtà è che la manifestazione di Domenica a Bassano li costringerà attraverso il consenso popolare a spronare il consiglio regionale a discuterne una volta per tutte, e soprattutto farà chiarezza sulla volontà: di autonomia regionale non ne vogliamo sapere.
    A Bassano noi vogliamo solo l’indipendenza.
    Spargete la voce, lo so che le manifestazioni per moltissimi di noi non sono viste come passatempi piacevoli e per molti possono essere inutili (lo stato italiano e la sua politica insegnano sempre in negativo), ma Domenica è estremamente importante fare numero, esserci a tutti i costi per dire che VOGLIAMO E PRETENDIAMO questo referendum il più presto possibile.

    • caterina ha detto:

      qualcuno, invece del Consiglio sempre incerto, potrebbe parlare di Assemblea degli Stati Generali delle Pronince, Comuni ecc. che hanno espresso adesione al Referendum e sono già la maggioranza della Regione… comunque sia, si faccia presto, perchè il 16 febbraio è alle porte, è un tempo giusto…. e non possiamo andare a cadere in prossime chiamate elettorali dell’Italia…
      Abbiamo un unico obiettivo: Indipendenza subito! Libertà dall’Italia e dalle sue pastoie infinite e comunque fallimentari…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: