Vuoi tu, caro cittadino, che la Repubblica Veneta aderisca all’Unione Europea e all’Euro?

Print Friendly

ueCari cittadini, avete voi chiesto di far parte dell’Unione Europea e dell’Euro? Avete almeno confermato di volerne far parte? C’ero anche io e non mi ricordo di essere stato interpellato o di avere votato, a meno che non mi sia sfuggito qualcosa. Ho anche saputo recentemente che neanche la “celeberrima” costituzione italiana non è stata sottoposta a votazione, è stata imposta dall’assemblea costituente, quella si, almeno era stata eletta.
Insomma, nello stato italiano la sovranità popolare, per le decisioni strategiche e di fondamentale importanza rimane sulla carta, c’è sempre qualcuno che decide per te, c’è sempre qualcuno che si sostituisce alla tua coscienza e intelligenza.
Nella Nuova Repubblica Veneta tutto questo deve finire e non ci dovranno essere materie nelle quali il popolo non si potrà esprimere. Si pensi che, nelle leggi dello stato italiano non è previsto un referendum su questioni tributarie. Se domani mattina, i conti dello stato andassero a picco, potrebbe partire una decisione dalla stanza dei bottoni che permette allo stato (come è già successo) di entrare nei vostri correnti ed espropriarvi parte della vostra ricchezza. Voi non potreste opporvi e come per magia realizzereste istantaneamente lo status di sudditi, molto poco sovrani.
Nella Nuova Repubblica Veneta ogni decisione dovrà avere il via libera dei cittadini in piena applicazione della democrazia diretta. Tra le prime decisioni da prendere ci saranno quelle relative all’adesione all’Unione Europea, e all’Euro. Vuoi tu, caro cittadino, che la Repubblica Veneta aderisca all’Unione Europea? Vuoi tu, caro cittadino, che la Repubblica Veneta aderisca all’Euro? Si o no?

Ivano Durante
Plebiscito2013.eu

7 risposte a “Vuoi tu, caro cittadino, che la Repubblica Veneta aderisca all’Unione Europea e all’Euro?”

  1. Piero ha detto:

    ovviamente SI. esserein europa è fondamentale.
    la la repubblica veneta dov è ?

  2. caterina ha detto:

    caro Piero, forse a te hanno chiesto qualcosa, a me che sicuramente ho più anni di te non ricordo abbiano mai chiesto niente…sulle cose che contano hanno sempre fatto tutto loro perchè evidentemente conveniva a loro, o obbedivano a qualcuno, o erano allocchi e si sono lasciati infinocchiare…. mi piacerebbe arrivare in tempo a decidere anch’io su qualcosa che credo vada bene a me, per questo mi aspetto il referendum per l’indipendenza del Veneto.

  3. ferdinando ha detto:

    prima di chiedere queste due cose si chieda prima se i Veneti vogliono uno Stato Indipendente da Roma: si o no?

    • Paolo Zeriali ha detto:

      Stai tranquillo che se i veneti sanno di poter votare sull’Euro saranno ancora più convinti di questo referendum…

    • Guerrino ha detto:

      diventeremo indipendenti anche senza referendum ( e molto presto )

  4. ivano ha detto:

    Leggete, così capite l’articolo, stiamo già pensando al dopo

    • pierin ha detto:

      chi vive sperando…

      è tardi per pensare al adesso, il dopo è oltre l orizzonte, perchè perder di vista quel che siamo ora ovvero lontani e non indipendenti, plebiscito nemmeno in vista per il 2013. qua salta tutto e pensate al dopo… siete diventati romani ?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: